warning icon
YOUR BROWSER IS OUT OF DATE!

This website uses the latest web technologies so it requires an up-to-date, fast browser!
Please try Firefox or Chrome!

testata2015

Scatterà martedì prossimo la 9ª edizione dei Reply Italian International Under 16 Championship Trofeo Teodoro Soldati. I giovani talenti del golf in rappresentanza di 17 nazioni scenderanno in campo dall’1 al 3 settembre sul percorso del Gc Biella Le Betulle.

Sono 132 le promesse del golf mondiale che compongono il field della 9a edizione dei Reply Italian International Under 16 Championship Trofeo Teodoro Soldati che scatteranno martedì prossimo e si concluderanno giovedi sul percorso del Golf Club Biella Le Betulle.
Cercando si seguire le orme di Matteo Manassero (4° nella prima edizione), Renato Paratore (vincitore nel 2011), l’inglese Matthew Fitzpatrick (2° di recente a Crans Montana) o l’irlandese Paul Dunne (primo dopo 54 buche nello scorso Open Championship) – solo alcuni dei giovani passati da Magnano per approdare da protagonisti nello European Tour – sono state oltre 180 le richieste di accredito per i posti disponibili nella manifestazione, eguagliando il numero record di 17 nazioni al via. Tra le novità si segnala la presenza della Polonia, mentre confermano la loro partecipazione Germania, Sud Africa, Inghilterra, Olanda, Austria, Norvegia, Danimarca, Svezia, Rep. Ceca, Irlanda, Belgio, Svizzera, Finlandia, Francia, Spagna e ovviamente Italia che avrà al via un contingente di 55 giocatori.
Anche quest’anno il livello dei partecipanti si preannuncia eccellente (87 iscritti hanno un handicap inferiore al 2 con il taglio caduto a 3,5) mentre i nuovi criteri di selezione (i migliori 30 giocatori stranieri in ordine di EGA exact handicap + i migliori 30 giocatori azzurri seguendo l’ordine di merito italiano + i migliori 66 giocatori italiani e stranieri scelti in base all’EGA exact handicap + 6 wild card) hanno dato ai Campionati un ulteriore respiro internazionale con 77 giocatori stranieri presenti.
Ricordando che oltre al titolo individuale ci sarà in palio anche il Nations’Trophy, tra i partecipanti con gli handicap più bassi si segnalano il tedesco Leon Bader (hcp -2,4), l’inglese Alex Fitzpatrick (hcp – 1,2), l’olandese Henry Lai (hcp – 1,2) e il sudafricano Hermanus Loubser (hcp -2,0) appena reduce dal successo nel KwaZulu-Natal Amateur Championship, che guiderà il forte team sudafricano da sempre protagonista degli Internazionali. Tra gli azzurri saranno da seguire con attenzione le prove di Andrea Romano (-1,4) dell’Olgiata, Leonardo Bellini (-1,2) di Padova e Julien Paltrinieri (-1) di Asolo, senza dimenticare il biellese in forza al Gc Torino Massimigliano Campigli che in stagione si è imposto nei campionati nazionali Cadetti. Tra i giocatori di casa al via anche il rappresentante de Le Betulle Gregorio De Leo (hcp 0,7) e il suo compagno di club Francesco Tinelli a cui è stata concessa una delle wild card. Gli altri destinatari degli inviti sono stati gli azzurri Niccolò Girelli, Giovanni Porta ed Edoardo Bianchi, l’austriaco Sascha Derp e il finlandese Mikka Makinen.
Come già nelle precedenti edizioni durante la gara sarà operativo il “live scoring” che consentirà agli appassionati tramite il sito del club (www.golfclubbiella.it) di seguire buca per buca i risultati dei partecipanti.

Formula. Il tabellone comprenderà 132 posti con handicap massimo fissato in 5,4. La formula di gioco prevede la disputa di 72 buche stroke-play con taglio dopo i primi due giri. I primi 40 della classifica più gli eventuali pari merito parteciperanno alle 36 buche finali che si disputeranno nella giornata conclusiva di giovedì. In palio oltre al titolo individuale ci sarà anche il Nations’Trophy che verrà assegnato alla fine della seconda giornata.

Partner: Reply, multinazionale leader sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali, rinnova il sostengo ai giovani talenti del Golf Internazionale Under16.

Trofeo Teodoro Soldati
La manifestazione è dedicata ed intitolata al campione uscente Teodoro Soldati, tragicamente scomparso lo scorso luglio lasciando un vuoto incolmabile in chi lo conosceva e ne apprezzava le straordinarie doti umane e l’incredibile talento. Teodoro, che avrebbe compiuto 16 anni a metà agosto, era molto legato ai campionati avendoli giocati ben quattro volte, migliorando di anno in anno la sua prestazione sino a raggiungere il podio nel 2013 (3°) e il successo lo scorso anno con una performance che lasciò pochissimo spazio agli avversari.

loading
×